Purtroppo le conoscenze sul coronavirus Sars-Cov-2 sono ancora limitate e permangono molti dubbi. Cerco di riassumere le nostre conoscenze attuali sulla diagnostica e infettività di questa malattia.

Test per antigene (PCR)
È il cosiddetto tampone, si tratta di un test che ricerca direttamente l’RNA virale nelle mucose del paziente ed è indicato eseguirlo in caso di presenza di sintomi.Il risultato POSITIVO indica una infezione certa il risultato singolo NEGATIVO non esclude l’infezione in atto, in quanto è presente una significativa percentuale di falsi negativi.

Test per anticorpi
Si premette che i test in uso NON solo validati e sono utili a solo scopo statistico sulla popolazione. NON indicano in alcun modo se un paziente è infetto o meno.Le regole generali della risposta immunitaria dicono che la comparsa delle sole IgM indica una infezione recente e la comparsa delle IgG dovrebbero indicare una clearance (eliminazione) del virus e la “guarigione” del paziente. Come è noto questo non è vero per molti virus (HIV e HCV) e attualmente non è noto se gli anticorpi comparsi a seguito di infezione da Corona Virus siano protettivi o meno. Non noto nemmeno la durata della positività degli anticorpi nel siero dei pazienti(settimane, mesi anni ??). o se esiste un titolo al di sopra del quale si può essere considerati IMMUNI. Quanto sopra premesso si può dire che se un paziente presenta gli anticorpi IgG POSITIVI “probabilmente “ è venuto in contatto con il virus. Parimenti la negatività della ricerca degli anticorpi NON esclude una pregressa infezione in quanto, come detto, nulla si sa sulla durata degli anticorpi nel siero dei pazienti guariti.

Spero di aver chiarito le cose ma purtroppo questo COVID è veramente complesso.